1 0

Isola d’Elba: viaggio sulle orme dei pirati e di Barbarossa

L’Isola d’Elba non finisce mai di sorprendere: per le sue bellissime spiagge, per i suoi panorami mozzafiato, per la sua natura incontaminata e per le storie e leggende che narrano di eserciti, battaglie, pirati e tesori. Pianificare un viaggio all’Isola d’Elba significa programmare una vacanza nel segno dell’avventura.

Se ne è accorta anche la trasmissione “Freedom” di Rete 4, condotta da Roberto Giacobbo, che ancora una volta ha raggiunto questo magnifico luogo per ricostruire le storie dei pirati che hanno infestato le coste e l’entroterra dell’isola. Uno in particolare: Ariadeno Barbarossa, corsaro e ammiraglio ottomano nonché comandante della flotta ottomana. Si racconta che abbia assalito l’isola d’Elba come risposta ad una mancata richiesta di restituzione di un giovane, figlio di Sinan rais, da anni trattenuto a Piombino alla corte degli Appiano.

La quinta puntata della trasmissione Freedom-Oltre il confine, ha raccontato aspetti della storia dell’Isola d’Elba ancora poco conosciuti. Un viaggio che iniziato tra i ruderi del villaggio medievale di Grassera (Comune di Rio). Il villaggio fu attaccato e distrutto dai pirati turchi verso la metà del 1500. Il racconto è proseguito attorno la chiesa romanica di San Quirico e del castello del Giove, tra i paesi di Rio Marina e Rio nell’Elba. Anche questi luoghi furono razziati dai pirati.

Altro luogo incantato è il castello del Volterraio, l’unica fortezza mai espugnata dell’isola d’Elba. Il viaggio di Freedom ci ha portato anche in fondo al mare che circonda l’isola sulle tracce del relitto di un aereo precipitato lo stesso giorno della tragedia di Ustica, il 27 Giugno 1980.

Ma tornando ai pirati, la storia non è stata dimenticata e sull’Isola d’Elba è possibile riviverla il 3 e il 4 maggio con un evento a lodo dedicato: LA NOTTE DEI PIRATI Porto Ercole. Un motivo in più per visitare la meravigliosa Isola d’Elba.

 

 

Post Discussion

Be the first to comment “Isola d’Elba: viaggio sulle orme dei pirati e di Barbarossa”