Il web traina il mercato del turismo e le quote delle Online Travel Agency sono in crescita

Il digitale spinge il mercato del turismo italiano con un valore che si attesta sui 14,2 miliardi di euro e con una crescita nel 2018 del più 8 per cento. I dati sono stati diffusi dall’Osservatorio Innovazione Digitale nel Turismo della School of Management del Politecnico di Milano. L’intero mercato dei viaggi in Italia riferito al 2018 vale 58,3 miliardi di euro. Cresce anche il mercato tradizionale, anche se solo dell’1 per cento e arriva alla quota di 44,1 miliardi. Cresce anche la spesa dei turisti stranieri nel nostro Paese e ora raggiunge circa i 22 miliardi di euro con un aumento del 5 per cento.

La ricerca è stata presentata a Milano presso il campus Bovisa. Lo studio mette in evidenza il ruolo e la forza crescente del digitale sia dal lato della domanda che da quello dell’offerta di servizi turistici.

Per un’auto riguarda i prodotti turistici messi in vendita online, la ricerca si concentra su tre parametri: strutture ricettive, trasporti e pacchetti viaggio. Al primo posto troviamo la categoria dei trasporti (61%), poi gli alloggi (29%) e infine i pacchetti turistici(10%). Il canale diretto online rappresenta il 71% del mercato (su questo punto incide la forza delle prenotazioni dirette nei trasporti), ma le Online Travel Agency guadagnano sempre più quote, insieme ai siti di settore, e il loro mercato ormai è pari al 29 per cento sul totale. Rispetto al 2017, la crescita è stata del più 14 per cento.

Le prenotazioni da mobile rappresentano il 18% delle transazioni digitali (nel 2014 erano solo il 3 per cento) con una crescita enorme rispetto al 2017 del 46 per cento. Il cellulare è sempre più usato dai turisti anche per raccogliere informazioni ed effettuare ricerche. Dalla ricerca emerge che l’83 per cento del campione lo usa per vacanze fino a 3 notti e l’89% per quelle sopra ai tre giorni. Il 17 e il 20 per cento del campione della ricerca usa lo smartphone per il pagamento della vacanza.

Tags:, , ,