Una Crociera sul Nilo è oggi uno dei modi migliori per esplorare le bellezze d’Egitto, attraversando le sponde sui cui giacciono i siti archeologici in un’imbarcazione dotata di ogni comfort dalla quale ammirare i colori ambrati del deserto, le piramidi e i templi antichi.

“I Viaggi di Xavier” propongono un’avventura alla scoperta delle meraviglie d’Egitto in un viaggio organizzato di 10 giorni con pernottamento nelle più belle città del posto.colossi di memnone

Individuabili dai visitatori sin dalla riva orientale, data la loro abnorme struttura pari a 59 piedi in altezza, gli imponenti Colossi di Memnone, “le statue che cantavano all’alba”. I Colossi di Memnone sono due statue colossali di pietra situate alle porte di Luxor, famose da secoli per una misteriosa leggenda, legata ad un suono emesso al tramonto.

Una storia definibile poetica, in quanto tale suono viene ricondotto al canto di Eros, madre di Memnone che piangeva ogni giorno lacrime di rugiada per la morte dell’amato figlio, ucciso da Achille durante la guerra di Troia.

La prima tappa del viaggio è un tuffo nel passato vero e proprio, Luxor, costruita sulle ceneri dell’antica Tebe!

Sopravvissuta a diverse vicende storico-naturali, lungo il confine ovest di Luxor troviamo l’imponente e indimenticabile Valle dei Re, luogo di sepoltura dei sovrani d’Egitto per 500 anni, la quale conserva dopo secoli più di 60 tombe.

A seguire, una bella cittadella turistica dove trascorrere momenti di svago, Assuan, la quale lascia spazio successivamente alla scoperta di uno degli emblemi del viaggio in Egitto, il complesso templare di Abu Simbel.

Abu Simbel è costituito da due templi: il Tempio Maggiore con le 4 statue alte 20m raffiguranti Ramses II e il Tempio Minore, in onore di Hator, dea della fertilità cui fu associata la famosa Nefertari, moglie del faraone.

Proprio così, sarete dinanzi alla celebre Nefertari, regina dell’ Antico Egitto, il cui nome significa “la più bella, la più amata”. Ella ebbe un ruolo fondamentale nella politica del regno, in particolar modo nei concordati di pacificazione con gli Ittiti, dopo la battaglia di Quadesh, cosa che le portò ad ottenere il titolo di “sovrana di tutte le terre” al pari del faraone.

Un legame indimenticabile, che oltrepassa la linea del tempo e dello spazio, di fatti a testimonianza del loro amore e rispetto, Ramses fece abul simbelraffigurare con la sua stessa grandezza l’amata moglie ad Abu Simbel.

Da vedere assolutamente con un po' di pazienza per via dei numerosi bazar e venditori presenti, il Tempio di Horus che rappresenta la prova meglio conservata delle storiche vicende legate al culto del dio e alla dinastia tolemaica, nel quale poter osservare da vicino le due grandi statue in granito nero, ornate da bassorilievi raffiguranti il faraone che sconfigge i suoi nemici al cospetto di Horus e Hator.

A questo punto non ci resta che raccontare della seconda parte del viaggio organizzato, quella alla scoperta delle Piramidi. Ovviamente, Il Cairo!

Sicuramente il sito archeologico più importante e conosciuto dai turisti, distante solo 20 km dal centro è la Necropoli di Giza, la quale ospita al suo interno la Piramide di Chefren, la Piramide di Micerino, la nota Sfinge e la Piramide di Cheope, una delle 7 meraviglie del mondo. Ricordiamo che questo sito archeologico è un bene protetto dall’Unesco.

La seconda tappa non può che condurci al Museo Egizio, costruito da due italiani nel 1902, caratterizzato da ben 150 000 oggetti legati al mondo egizio, in particolare da menzionare la sala di Tutankhamon che espone i tesori della tomba di questo faraone morto a soli 18 anni e la Sala delle Mummie, custode dei resti imbalsamati dei più importanti faraoni.
Le Piramidi restano dopo anni e anni il motivo per cui la maggior parte dei turisti decide di prenotare un viaggio in Egitto, il loro fascino misterioso non ha eguali è inevitabile ammetterlo, ma per una visione completa della loro storia e bellezza bisogna visitare “obbligatoriamente” la Piramide di Djoser situata a Saqqara.
È la prima piramide di grandi dimensioni della storia, il più vasto complesso funerario strutturato a gradoni.

A conclusione dell’itinerario se siete amanti delle acque paradisiache dai colori cangianti sarete lieti di scoprire le barriere coralline a parete di Sharm el Sheikh. Il mare è splendido con una temperatura sempre mite, dove oltre alle immersioni potrete praticare diversi sport aquatici come canottaggio e windsurf.

 

 

Testo: Adriana Pignatelli