È ora di aggiungere alla lista dei “I viaggi di Xavier” anche San Francisco, la città panoramica per eccellenza.

panoramica san franciscoL’itinerario proposto dall’organizzazione prevede un pernottamento di 11 giorni sparsi tra San Francisco, Los Angeles e Las Vegas
Appena si arriva a San Francisco ci si rende immediatamente conto della sua particolarità a livello non solo estetico rispetto ad altre città americane ma anche dal punto di vista climatico, in quanto presenta una temperatura molto bassa anche durante la stagione estiva.

Per visitare la città senza tralasciare le sue attrazioni principali occorre pianificare uno specifico itinerario in anticipo, altrimenti è molto probabile perdersi. In realtà vi accorgerete subito che si tratta di una città grande ma non grandissima ma allo stesso tempo contraddistinta da tantissimi quartieri diversi, tutti eccezionali per un motivo, forse più di uno.

I suoi sali-scendi continui regalano prospettive panoramiche ad ogni passo, in particolare Colt Tower, la torre d’osservazione di Telegraph Hill e la Lombard Street, la famosa strada fiorita che sorge sulla collina di Russian Hill.  
Insomma, sicuramente lo scatto instagrammabile è garantito!

Ricordiamo che San Francisco presenta la più antica e numerosa comunità cinese degli USA, la quale non delude assolutamente, anzi passeggiare al suo interno sarà come essere in un film poliziesco americano.

Una Chinatown magnifica che si presenta con fasci di lanterne rosse appese per tutta la strada, dragoni dai mille colori, tempi buddisti, portali dorati, archi pittoreschi e suggestivi balconi dai colori più vivi.

Ma ovviamente tra le attrazioni più belle di San Francisco non può non essere menzionato il Golden Gate, il grande ponte rosso simbolo della città, che con i suoi 2700 metri di lunghezza sorretti da 2 possenti piloni, creati per resistere ai forti venti e correnti della baia, è l’ideale per un pomeriggio tranquillo magari in bicicletta con la quale è possibile arrivare sino a Saulino, la nota Portofino d’America.golden gate san francisco

Di pari bellezza anche Ghirardelli Square, dove trovare non solo i celebri edifici in mattoncini rossi risalenti al XIX secolo ma anche tanti ristoranti e negozi, tra i quali la Ghirardelli Chocolate Company, fondata a metà 800 e iscritta nei luoghi storici degli USA.
Un buon itinerario è alla base della riuscita dei “I Viaggi di Xavier”, in quanto in pochi giorni seguendo delle linee guida e consigli ben specifici è stato possibile assaporare letteralmente la vita di questa cittadina.
Una delle cose che ha stupito tutti i partecipanti è stato il sobborgo di Alamo Square, nel quale sono presenti le famose Painted Ladies, gruppi di case private in stile vittoriano, ormai divenute una vera attrazione turistica assieme al famoso tram milanese che gira per le strade della città.

Vi starete chiedendo come è possibile, che un simbolo di Milano giri per le strade di San Francisco; il tutto iniziò nel 1983 quando venne organizzata l’Historic Trolley Festival, l’esposizione del tram d’annata che coincise con l’inaugurazione della nuova linea F.
Molte città straniere parteciparono, inviando i propri mezzi dell’epoca e tra queste proprio Milano con un modello disegnato da Peter Witt ma di fabbricazione lombarda.

Ma non finisce qui, il buon turista italiano sarà lieto di sapere della presenza di un intero quartiere dedicato alla sua nazione, il Little Italy nel distretto di North Beach, dove ritrovare tanti locali italiani, bar, gelaterie ma soprattutto spiccano per bellezza i numerosi murales decorativi sugli edifici.
Il viaggio prosegue a Las Vegas, chiamata da molti la “mondiale dell’intrattenimento e del vizio” per via del casinò e per l’immagine libertina che nel tempo si è consolidata. Impossibile non lasciarsi sopraffare dalla sua stravaganza travolgente. 

Una delle ruote panoramiche più alte del mondo? La troverete a Las Vegas, l’High Roller Observation Wheel presenta 167 metri di altezza, superiore a quella di Londra per una trentina di metri. Tra le tappe dell’itinerario è presente anche la fermata all’aquario del Mandalay Bay, una struttura enorme capace di ospitare al suo interno migliaia di specie marine come tartarughe, coccodrilli, polpi giganti e squali.

Salutando il mix di fortuna e divertimento che inevitabilmente regala Las Vegas passiamo ad un’altra tappa dell’itinerario, Los Angeles.
Impossibile descrivere Los Angeles in poche righe, parliamo di una città piena, ricca di tantissimi luoghi interessanti, proveremo a menzionarne qualcuno che ha colpito particolarmente i partecipanti.

los angelesOvviamente come prima cosa il Griffith Observatory, il quale è al tempo stesso un osservatorio, un planetario e un museo d’astronomia dove migliaia di turisti accorrono per godere della famosa scritta di Hollywood. Restando in tema, impossibile non menzionare la passeggiata fra impronte e stelle nella Hollywood Walk of Fame, dove più di 2400 personaggi sono stati immortalati su un marciapiede con delle stelle simboliche.
Los Angeles è stata anche location di molti film, tra cui Pretty Woman sulla Rodeo Drive, un sogno che si realizza per ogni donna ovvero quello di poter far shopping e darsi al divertimento più sfrenato, ricordando la protagonista della pellicola intramontabile.
E per chi voglia dedicarsi all’arte diviene d’obbligo la visita del Getty Center, il quale ospita collezioni uniche che coprono un vasto arco temporale di storia, tra le quali ricordiamo alcuni dipinti di Rubens, Monet, Renoir, Van Gogh e nel giardino di sculture sarà suggestivo scovare Mirò e Moore
Per concludere con un arrivederci mozzafiato questa fantastica avventura americana, ricordiamo la strada panoramica per eccellenza di tutta Los Angeles, la Mullholland Drive che cela tra le sue bellezze naturali le ville sfarzose dei protagonisti di Hollywood e dei vip più esigenti.

 

 

Testo: Adriana Pignatelli